giovedì , 8 Dicembre 2022
Home / Articoli / 7 cose che non sai… sulla cannabis

7 cose che non sai… sulla cannabis

In questo articolo sono raccolte alcune curiosità sulla canapa e il suo utilizzo nella storia e soprattutto ai giorni nostri!

Curiosità sulla canapa nella storia e oggi

L’uso della cannabis e della canapa sembra un argomento così recente che ci si sorprende a scoprirne la vera origine: le prime evidenze certe dell’uso della pianta della Canapa Sativa risalgono al periodo Neolitico quindi 8.000 anni a.C. nelle popolazioni di Cina, Siberia, Taiwan e più “recentemente” anche Romania. Essa era sfruttata per la realizzazione di fibre tessili e reti da pesca, mentre i semi venivano consumati come alimento, soprattutto tostati.

Pare addirittura che corde in fibra di canapa abbiano consentito agli antichi polinesiani di spostare in maniera più agevole le gigantesche e pesanti statue Moai dell’Isola di Pasqua (oltre 4 tonnellate) percorrendo 100 metri in meno di un’ora.

Canapa, cannabis, marijuana: sono sinonimi?

Ci si riferisce alla stessa pianta quando parliamo di canapa, cannabis e marijuana? Facciamo chiarezza nei termini: la marijuana è la sostanza psicoattiva che proviene dall’essiccazione delle infiorescenze della pianta (Cannabis Sativa). Non tutte le varietà di canapa hanno questa destinazione ricreativa perchè l’effetto psicoattivo è presente nei vegetali con genotipo THCAS che contengono THC (tetra-idro-cannabinolo). Se il contenuto naturale di THC è di solito intorno al5/8%, grazie ad incroci e colture intensive oggi possono raggiungere anche il 38%. La varietà spontanea più potente è la Sinsimilla: alla pianta viene impedita la produzione di infiorescenze da impollinare, è priva di semi e genera molta resina con elevate concentrazioni di THC.

Cannabis: effetti del consumo diversi tra uomo e donna

Il consumo di marijuana può avere effetti diversi negli uomini e nelle donne: uno studio americano del 2014 ha evidenziato che il genere femminile è più sensibile agli effetti analgesici del THC e sviluppa più facilmente tolleranza al principio attivo, quindi necessita di un quantitativo superiore per avere gli stessi effetti, con un più elevato rischio di dipendenza. È bene sottolineare che durante l’età dell’adolescenza, i rischi tra maschi e femmine sono i medesimi (danni permanenti al sistema nervoso). A livello statistico, in Italia i fumatori sono soprattutto maschi, circa il doppio delle donne.

Canapa ed effetti sugli animali

Il fumo passivo colpisce anche i cani, con effetti molto più evidenti rispetto a quelli mostrati dall’uomo; se l’animale ingerisce per sbaglio pezzetti di hashish presenta movimenti muscolare incontrollati, pupille dilatate ed eccitamento: al pronto soccorso veterinario si interviene con terapie di sostegno e nei casi più urgenti con una lavanda gastrica.

La fame chimica: suggestione o realtà?

Fumare cannabis fa venire fame sul serio, si tratta di un effetto secondario del THC: esso si lega ad una molecola tipica dei neuroni olfattivi, la zona che riceve gli stimoli del naso. Questo provoca una maggiore sensibilità agli odori, aumentando l’appetito.

Cannabis e spiritualità

Chi conosce o pratica il rastafarianesimo, un movimento sviluppatosi in Giamaica intorno al 1930, sa che la marijuana non è solo una semplice erba medicinale ma anche un importante strumento per la preghiera. Essa infatti favorisce l’illuminazione spirituale e la meditazione ed il suo utilizzo è citato anche nei testi sacri.

Fumi sopra le grandi città: non solo smog … ma anche cannabis!

Uno studio del 2012 del CNR su varie città d’Italia ha rilevato tracce di cannabis nell’aria intorno a luoghi di ritrovo giovanili a Roma (Colosseo e Pantheon), Napoli, Torino, Milano, Bologna. Una nuvola persistente seppur piuttosto rarefatta che denota grandi concentrazioni di erba (legata probabilmente alla presenza di un elevato numero di studenti)

 

Cerca anche

Come coltivare Cannabis utilizzando il ciclo Lunare

Mentre le moderne tecniche di coltivazione della cannabis stanno diventando sempre più avanzate, molti coltivatori …