giovedì , 8 Dicembre 2022
Home / Articoli / La Cannabis contro la dipendenza dalle droghe pesanti

La Cannabis contro la dipendenza dalle droghe pesanti

Medici di svariate parti del globo hanno effettuato studi per stabilire se fra cannabis e droghe pesanti vi siano delle correlazioni. I non consumatori credono che chi inizia fumando uno spinello terminerà la sua vita con una siringa; che la cannabis sia responsabile di portare all’uso di droghe pesanti e che per scongiurare il rischio di diventare dei “drogati”, non bisognerebbe mai provare a fumare marihuana.

Altri invece sostengono che la Cannabis può essere utilizzata persino per curare gravi dipendenze… ma qual è la verità?
Da medici e scienziati giungono pareri e risultati contrastanti: da un lato, una ricerca sui topi del 2001 dimostrerebbe che assumendo cannabinoidi, aumenta la risposta dei ricettori ad altre sostanze psicoattive, favorendo l’assunzione simultanea di più sostanze e aumentando le azioni farmacologiche e le concentrazioni cerebrali. Dall’altro, si vede la cannabis come alleato per curare crisi d’astinenza e disintossicarsi dalla cocaina.

La Cannabis per disintossicarsi da cocaina e oppioidi

Quattordici studi effettuati  (5 su umani e 9 su cavie) hanno dimostrato che l’azione terapeutica della cannabis potrebbe aiutare a superare le dipendenze, specialmente quelle da cocaina, oppioidi, psicostimolanti e tabacco.

Uno studio dal titolo “Cannabidiol rescues acute hepatic toxicity and seizure induced by cocaine” al contrario di quello che finora si è sempre creduto, afferma che la somministrazione di CBD puro (sostanza contenuta nella cannabis) riduce l’infiammazione del fegato ed elimina le convulsioni in caso di intossicazione nei soggetti che fanno uso intensivo di cocaina.

Una ricerca canadese dimostra che sulle cavie, la somministrazione di THC e CBD elimina quasi del tutto il desiderio compulsivo di assumere anfetamine. L’esperimento è confermato anche dal New York State Psychiatric Institute: su pazienti dipendenti da cocaina e con disturbi dell’attenzione, l’assunzione occasionale di cannabis fa diminuire il desiderio di cocaina ed aiuta durante le fasi di astinenza.

E’ anche vero che un alto consumo di cocaina riduce la quantità di recettori cannabinoidi CB1 rendendo sostanze come il THC inefficace. Nel caso di un ipotesi di trattamento, sarebbe bene considerare più fattori per evitare che la terapia di cannabis per curare la dipendenza da droghe pesanti risulti inefficace.

Nel frattempo nel mondo si continua con la ricerca: In Brasile si utilizza la cannabis per ridurre il desiderio ossessivo di crack. In Colombia è partito un programma pilota che prevede la somministrazione di cannabis nella disintossicazione di 15 soggetti dipendenti dal basuso, un derivato della cocaina dagli effetti devastanti. Paesi come il Cile e l’Uruguay si stanno avvicinando all’uso terapeutico della cannabis per contrastare le dipendenze dalle droghe pesanti fra la popolazione.

Cerca anche

Come coltivare Cannabis utilizzando il ciclo Lunare

Mentre le moderne tecniche di coltivazione della cannabis stanno diventando sempre più avanzate, molti coltivatori …