giovedì , 8 Dicembre 2022
Home / Articoli / La cannabis per curare il disordine post traumatico da stress

La cannabis per curare il disordine post traumatico da stress

Negli Stati Uniti uno dei più recenti mali che affligge la popolazione è il disordine post traumatico da stress. Se negli anni passati si è data poca importanza alla depressione e ai disturbi causati dallo stress, oggi si può affermare con certezza che i disturbi derivati da una poco favorevole condizione mentale e psicologica, possono compromettere la vita di un individuo tanto quanto le patologie più “visibili” e diffuse.

Negli Usa il disordine post traumatico da stress coinvolge soprattutto i militari reduci delle guerre in Iraq e Afganistan, ma il disturbo purtroppo non riguarda solo gli ex soldati. Pare infatti che l’8% della popolazione statunitense soffra della neuropatologia. Nella percentuale sono compresi anche coloro che hanno subito traumi a causa di catastrofi naturali e incidenti automobilistici; sopravvissuti a stragi; donne e bambini vittime di violenza.

La cannabis per curare il disordine post traumatico da stress

Ad oggi non esiste ancora un farmaco che curi i vari sintomi ed aiuti i pazienti a superare in tempi brevi il disturbo da stress post traumatico. Fra gli scienziati del mondo però, si comincia a pensare che potrebbe essere proprio la cannabis con i suoi principi attivi ad aiutare i pazienti affetti dalla sindrome post-traumatica.

Nel cervello infatti esistono già delle sostanze chimiche preposte a eliminare i ricordi sgradevoli. Queste vengono prodotte dal sistema endocannabinoide, un regolatore naturale dell’ansia e dello stress.

In Israele alcuni ricercatori della Halfa University hanno scoperto che i cannabinoidi, se assunti entro le 24 ore successive all’evento scatenante, sarebbero in grado di sconfiggere il senso d’ansia causato dagli episodi traumatici. L’esperimento è stato condotto su un gruppo di cavie animali. Il dottor Irit Akirav spiega:

La marijuana non cancella l’episodio traumatico ma previene lo sviluppo dei sintomi legati allo stress post-traumatico.

Grazie a un italiano (il professor Graziano Pinna) e al supporto economico di un milione di euro fornito dal Dipartimento della Difesa Americano, inizieranno nel Dipartimento di Psichiatria della University of Illinois di Chicago, degli studi volti ad indagare i meccanismi del sistema nervoso per stabilire se la cannabis può aiutare a combattere l’ansia e paura, quindi può aiutare a superare il disturbo da stress post-traumatico. Lo studio avrà una durata di 3 anni estendibili a quattro.

Ricerche ed esperimenti sul sistema nervoso e i cannabinoidi per la cura dell’ansia sono stati condotti anche in Giappone alla Hokkaido University di Sapporo, dalla Accademia Ungherese delle Scienze di Budapest e dalla Indiana University di Bloomington.

Cerca anche

Come coltivare Cannabis utilizzando il ciclo Lunare

Mentre le moderne tecniche di coltivazione della cannabis stanno diventando sempre più avanzate, molti coltivatori …